US method helps children 'step out of the shadows'

http://www.timesofmalta.com/articles/view/20090922/local/us-method-helps-children-step-out-of-the-shadows.274315


SOS Autismo - Prima Tivvù di Avellino

http://www.emergenzautismo.org/content/view/649/48/


Su Capri Event (canale 271 digitale terrestre in Campania) il talk show "Fuori dal Tunnel": tra gli ospiti Dario Siniscalco ed Enzo Abate (La Forza del Silenzio)


 AUTISMO: DALLA INCURABILITA' ALLE CURE POSSIBILI
 

Ci sono eventi della vita che non vorremmo mai che accadessero e che, soprattutto, non esistono assolutamente nei progetti, di vita professionale e personale che costruiamo pensando al futuro. Mi sono laureato in Medicina e specializzato in Psichiatria immaginando di occuparmi dei disturbi psichiatrici degli adulti, senza alcun particolare interesse verso le patologie dell'infanzia e, soprattutto, senza mai anche solo lontanamente ipotizzare di ritrovarmi dalla parte di chi della cura ha necessità.

Ormai quasi tre anni fa, la malattia di mia figlia – con una diagnosi nello spettro autistico - è giunta così, oltre che completamente inaspettata, anche come totalmente rivoluzionaria. Medico e, insieme, in quanto padre, paziente: in nessun altro modo avrei potuto sperimentare l'incredibile difficoltà della nostra medicina di offrire risposte rispetto ad una malattia tanto pervasiva quanto ancora misteriosa ed inesplorata. Toccato personalmente dall'assenza di risposte adeguate alla sua cura da parte della medicina ufficiale, frustrato dal temporeggiare per meglio “osservare” e non “curare”, offeso della visione psicologizzata del problema (“vediamo cosa non va nei genitori” ), deluso  dall'assenza di spiegazioni a tutti gli altri problemi medici correlati che mia figlia presentava, sono partito negli Stati Uniti per approfondire le conoscenze mediche e scientifiche proposte dall'Autism Reseach Institute (ARI) di San Diego in California (www.autism.com).

Si tratta di un Istituto di Ricerca fondato da medici nella maggior parte anche loro trovatasi come genitori al cospetto dello spettro autistico che non hanno voluto accettare come incurabile e che, dunque, hanno avviato percorsi di ricerca scientifica con l'obiettivo di svelare tutta la complessità di questa malattia sul piano scientifico e di attuare le risposte cliniche allo stato attuale più efficaci sino al raggiungimento del recupero completo dei bambini, come in molti casi sta già avvenendo.

E così, due anni fa, ho lasciato il Policlinico di Bari – dove mi ero occupato di schizofrenia e disturbi del comportamento alimentare - abbandonando completamente l'immagine di futuro professionale – e personale – che avevo costruito. Da allora mi occupo  unicamente dei bambini e ragazzi affetti da Disturbi dello Spettro Autistico, sperimentando ogni giorno la veridicità delle ricerche condotte dall'ARI.

I risultati scientifici che l'ARI sta pubblicando in questi ultimi anni, confermati dalla mia personale esperienza clinica, affermano che l'Autismo non è un “Disturbo” cosi come oggi si legge sui libri di medicina, ma è una “Malattia” o meglio, una “Sindrome” :  affligge “il corpo” - e, dunque, non è una malattia psichica – giacché presenta  segni e sintomi fisici specifici di patologia organica di cui il cervello  - sebbene il più nobile- è solo uno degli organi bersaglio. I sintomi comportamentali – normalmente letti come disturbi del comportamento - sono solo l'epifenomeno della malattia e molto spesso espressione di malessere fisico e dolore di difficile interpretazione a causa dei deficit comunicativi di cui questi bambini soffrono. In questi anni, di studio, ricerca e pratica clinica, ho dunque sperimentato che esistono tanti “Autismi”, con differenti meccanismi patogenetici ancora in gran parte non chiari, ma le cui evidenze empiriche riconducono a cause metaboliche, immunologiche di tipo infiammatorio, infettivologiche, autoimmunitarie e tossicologiche.

Ho sperimentato che l'autismo pertanto, è una patologia multifattoriale in cui accanto ad una suscettibilità e fragilità genetica si associa un fattore ambientale che sbilancia il sottile ed instabile equilibrio biologico-metabolico-immunologico del bambino.

Ho verificato che stiamo assistendo ad una epidemia di casi Autismo: negli ultimi 20 anni i dati attuali di incidenza sono saliti di 20 volte rispetto alle statistiche degli anni '80. Un’epidemia non è mai genetica ma richiede una profonda riflessione sulle cause ambientali che possano averle scatenate, non ultimo i livelli di inquinamento ambientale e l'uso incongruo e massivo dei vaccini.

Ho imparato che l'Autismo è trattabile sino al recupero completo: non perché l'abbia studiato come ipotesi possibile, ma  perché ho visto, con i miei occhi, che ci sono bambini che escono dallo spettro autistico, laddove la risposta medica sia diretta alla rimozione delle cause organiche e non al mero contenimento dei sintomi.

Negli USA continuo periodicamente a seguire i seminari formativi dell'ARI, ho frequentato come tirocinio clinico la clinica del suo Direttore Scientifico, dr.ssa E. Mumper, in Virginia,  ed ogni tre mesi accompagno famiglie presso i centri americani dove eseguire indagini specialistiche e terapie (come la camera iperbarica) che in Italia risulta ancora difficile o impossibile attuare.

 

La malattia di mia figlia dunque, oltre che ragione di immenso dolore – lo stesso che ritrovo nei pazienti che quotidianamente incontro – si è rivelata ragione di un profondo cambiamento: non di professione, ma di prospettiva. Il passaggio da una visione dell'autismo come patologia irrecuperabile ad una visione dello stesso che ne considera le già note e le non ancora esplorate possibilità di cura.

Nicola Antonucci

"antonucci" - Powered by Professional Site
Questo sito utilizza cookies per memorizzare alcune informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito ed altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti. Leggi la nostra informativa sulla cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso di questi cookies.
This kind of kinds of wrist watches will also be most liked and appear fantastic however rolex replica uk searching. They're offered at exactly the same sellers along with along with comparable types of ladies gemstone wrist watches. The actual tag heuer replica sale associated with rings onto it may impact the worthiness as well. Many people just like a fancy music group with a couple expensive diamonds on the website, while some obtain a easy rolex replica music group to become the very best alternative. You might furthermore select from a variety of latches, as well as with regard to fake rolex sale, the security cycle is essential.